IL VOTO NEGLI STATI UNITI D’AMERICA

Analizzando il voto negli Usa, possiamo capire quanto siano importanti le donne, i “Latinos” e i giovani nella riconferma alla Casa Bianca di Obama, senza dimenticarci dell’aspetto religioso.
Partendo proprio da quest’ultimo, notiamo che Romney ha ottenuto il 62% dei voti dei protestanti, mentre è stato determinante il voto degli ebrei a favore di Obama, che ha ottenuto il 70% dei voti. Romney sarebbe stato il primo presidente mormone della storia, ed ha per questo ottenuto il 78% di voti. Secondo i dati riportati da un sondaggio, il 59% delle persone che frequentano settimanalmente i luoghi di culto ha votato Romney, mentre il 55% di quelli che frequentato tali luoghi solo poche volte al mese ha votato Obama.
Ma cosa conta di più nelle menti degli americani quando vanno a votare? Secondo un sondaggio circa il 30% cerca un presidente che guardi il futuro, un altro 30% cerca un leader che condivida i propri stessi valori. Tra quelli che cercano un presidente che guardi al futuro il 54% ha votato per Romney, il 45% per Obama. Un altro 20% votava cercando nel presidente una persona che avesse a cuore “le persone come me”, tra queste l’80% ha votato Obama.
Dal punto di vista economico, il 60% degli elettori con reddito basso (inferiore a 50.000$), che costituisce il 41% dell’elettorato totale, ha votato per Obama, che ha riscosso successo anche tra i ceti medio e ricco (rispettivamente 46% e 44% dei voti). Le tre categorie di reddito sono equamente divise tra l’elettorato.
Un ruolo fondamentale nella vittoria di Obama è stato giocato dai giovani, infatti il 60% degli aventi diritto fra i 18 e i 29 anni ha votato per il presidente uscente, in calo rispetto al 66% di quattro anni fa. Questa fetta di elettorato è in crescita, costituendo il 19% del totale.
Gli elettori tra i 30 e i 44 sono divisi quasi equamente, con un leggero vantaggio di Obama (52% contro 45%).
Il voto femminile ha rappresentato un fattore determinante nelle elezioni americane, dato che le donne costituiscono il 53% degli aventi diritto. Tra queste il 55% ha votato per Obama, mentre il 44% ha votato per il suo rivale. In questo ambito è interessante anche il dato delle donne sposate, infatti il 53% ha votato per il candidato repubblicano, tra le donne non sposate invece ha avuto la meglio Obama con un rapporto di 2:1, ha infatti ottenuto il 67% dei voti contro il 31% del suo rivale.
Situazione opposta per quanto riguarda gli uomini, infatti il 52% ha votato per Romney e il 45% per il presidente in carica.
Obama ha ottenuto una vittoria schiacciante per quanto riguarda il voto dei neri, ottenendo il 93% dei voti, in leggero calo rispetto alle elezioni del 2008. Anche i “Latinos” hanno votato per il candidato democratico (71%) e sono quelli che probabilmente hanno fatto la differenza in Colorado e Nevada. I “Latinos” costituiscono il 10% dell’elettorato totale.
Obama ha perso, rispetto al 2008, una parte del voto dei bianchi, ottenendo il 39%, contro il 43% del 2008. I bianchi sono in calo nell’elettorato totale, ne costituiscono infatti il 72%, contro il 74% di quattro anni fa. Nonostante ciò, restano la maggioranza.

A cura di Vincenzo Romaniello e Antonino Di Leo

image

Fonte
BBC News

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...